I 3 tipi di intelligenza artificiale: debole, forte e super

Per poter comprendere quali sono i tipi di intelligenza artificiale, ti sarai imbattuto in termini come AI forte, debole, generale, stretta, non ottenendo, quindi, una risposta chiara.

Togliere tutti i dubbi è d’obbligo poiché la diffusione dell’intelligenza artificiale è sempre maggiore in quanto sempre più presente nella quotidianità.

Su cosa si basa l’intelligenza artificiale? Il settore della IA studia come realizzare sistemi informatici e macchine intelligenti che siano in grado di replicare quanto più possibile le capacità ed i comportamenti umani.

Di conseguenza permette di capire l’ambiente che ci circonda, mettendosi in relazione con esso alla ricerca di possibili soluzioni, ad esempio, o a come raggiungere determinati obiettivi.

Prima di parlarti dei 3 tipi di intelligenza artificiale, se sei interessato all’argomento o vorresti lavorare in questo ambito, valuta il Corso AI Prompt Engineer. Tramite una formazione completa, infatti, avresti l’opportunità di capire e mettere in pratica questa tecnologia all’interno di aziende proiettate all’innovazione.

I 3 tipi di intelligenza artificiale

Partendo dalla definizione di AI, è possibile dire che i 3 tipi di intelligenza artificiale in sviluppo oggi sono ripartiti in base a:

  • quanto ognuno di questi sia capace di imitare le caratteristiche umane
  • quale tecnologia viene utilizzata
  • applicazioni che ci sono nella vita quotidiana.

I livelli di intelligenza artificiale rispondono quindi alla domanda: la macchina potrà mai eguagliare o addirittura superare il ragionamento dell’essere umano, o non sarà mai in grado di arrivare a tanto?

In base alla risposta, ecco la distinzione primaria dei tipi di intelligenza artificiale in debole e forte, considerati, inoltre, i suoi 2 paradigmi principali.

Ma cosa si intende per intelligenza artificiale debole? Questa tipologia di IA realizza macchine che possono operare con successo in alcune complesse funzioni umane (es. i traduttori), simulando il comportamento umano senza mai eguagliarlo ne tantomeno superarlo.

Nell’intelligenza artificiale forte invece, la macchina non si limita ad essere uno strumento, ma vuole essere essa stessa una mente con capacità uguali, se non superiori a quelle umane.

Perciò, a sua volta, questa tipologia di intelligenza artificiale si suddivide ulteriormente in:

  1. intelligenza artificiale generale
  2. super intelligenza artificiale.

Quindi alla domanda quali sono i 4 livelli di intelligenza artificiale, ti rispondo dicendoti che non ci sono 4 livelli o tipi di IA intesi come debole, forte, generale e super ma solo 3 differenti tipi di intelligenza artificiale quali:

  1. Intelligenza artificiale stretta (ANI)
  2. Intelligenza artificiale generale(AGI)
  3. Super intelligenza artificiale (ASI).

Intorno al mondo dell’intelligenza artificiale ruotano anche altri termini come machine learning e intelligenza artificiale o blockchain e AI. Sono mondi distinti ma strettamente collegati, quindi attenzione a non confonderli.

Intelligenza artificiale stretta (ANI)

Artificial Narrow Intelligence è la più conosciuta tra i tipi di intelligenza artificiale, in quanto ci sono numerose applicazioni nella vita di tutti i giorni. Infatti, è l’unico tipo di intelligenza artificiale che l’essere umano ha ideato e realizzato con ottimi risultati.

Come funziona l’AI stretta? Questo tipologia di intelligenza artificiale comprende il parlato ed elabora il linguaggio naturale (NLP) al fine di compiere attività.

È programmata per interagire con l’essere umano nel modo più naturale possibile e per svolgere al meglio ogni operazione, tali sistemi non vanno oltre i singoli compiti assegnati.

Sebbene l’AI stretta interagisce con l’essere umano, elaborando e comprendendone il linguaggio, è definita un’intelligenza debole in quanto non potrà mai arrivare a pensare da sola come fa un’essere umano.

Ti basti pensare a gli assistenti vocali degli smartphone. Non sono macchine che hanno coscienza, ma semplicemente strumenti programmati per eseguire compiti e singole azioni.

Se poni domande più astratte e personali per avere risposte vaghe o che rimandano ad articoli online, al contrario invece, quando poni una domanda concreta come potrebbe essere “che tempo fa a Roma oggi?” avrai una risposta precisa, in quanto queste tipologie di domande rientrano nei compiti per i quali l’intelligenza dell’assistente vocale è stata programmata.

Intelligenza generale artificiale (AGI)

Tra i tipi di intelligenza artificiale forte c’è l’Artificial General Intelligence. A differenza dell’AI stretta, questa consiste in un’intelligenza artificiale che dovrebbe essere in grado agire in ambiti diversi, passando con facilità da un compito all’altro proprio come fanno gli esseri umani.

Quindi, l’AGI si pone l’obiettivo di replicare l’intelligenza umana, di avere una coscienza e di imparare dalle proprie azioni evolvendosi. Però sembrerebbe che la strada sia ancora lunga. Ad oggi, infatti, non si è realizzato nessun prototipo di intelligenza generale artificiale.

Devi sapere che lo sviluppo di questa tipologia di AI è abbastanza recente e l’obiettivo che si pone è molto ambizioso, ma i ricercatori che lavorano su questo tipo di intelligenza artificiale vorrebbero realizzare una AGI entro il 2050.

Superintelligenza Artificiale

Tra i tipi di intelligenza artificiale deboli e forti questa è quella che preoccupa maggiormente. Come hai visto, esistono 2 tipologie di intelligenza artificiale forte. La superintelligenza o Artificial Super Intelligence è il tipo di AI più capace dell’uomo.

Nasce con l’obiettivo di avere una memoria maggiore rispetto all’essere umano ed una capacità di elaborazione e analisi dei dati di gran lunga superiori.

Di conseguenza le decisioni e la risoluzione dei problemi dovrebbero avvenire in tempi rapidissimi.

Anche per questa tipologia di intelligenza artificiale, ad oggi, non esistono prototipi e se l’obiettivo dell’Artificial General Intelligence è ambizioso, questo lo è molto di più.

Ma perché è il tipo di AI che preoccupa di più l’essere umano? Non dimenticare che ciò che contraddistingue l’uomo dagli altri essere viventi è proprio l’intelligenza, quindi la domanda che che ci pone è: cosa accadrebbe se le macchine riuscissero non solo ad eguagliare ma addirittura a superare l’intelligenza dell’essere umano?

Ovviamente nessuno può conoscere la risposta a questa domanda. Si potrebbe ipotizzare un mondo dove gli esseri umani utilizzano i 3 tipi di intelligenza artificiale per lavorare il meno possibile, per essere supportati e affiancati nella quotidianità. O al contrario la superintelligenza potrebbe sovrastare la razza umana, renderla schiava della sua stessa creazione.

Come formarsi nell’IA

Come hai avuto modo di leggere, ad oggi non esiste un’intelligenza artificiale migliore di altre, in quanto l’unica tipologia di AI che è stata sviluppata è quella debole. Certo, in un ipotetico mondo futuro e ipertecnologico, sicuramente la super intelligenza potrebbe dare del filo da torcere alle altre.

Spero fin qui di aver chiarito eventuali dubbi su quali e quanti sono i tipi di intelligenza artificiale e di averti spiegato tutto in modo semplice.

Se sei appassionato di tecnologia sicuramente non posso fare a meno di consigliarti di corsi di formazione relativi all’argomento, così da essere pronto per affrontare al meglio le innovazioni future.

ebook creare un'AI Agency guida

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea la tua AI Agency - Webinar Gratuito